Giri di parole

A volte è meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio.

(Oscar Wilde)

Usiamo le parole per comunicare.

Tuttavia possono essere usate semplicemente per scambiarsi informazioni, ma possono anche essere utilizzate per amare, per ferire, per ingannare, per consolare, per cantare oppure per… sognare.

Eppure non a tutti le parole dicono la stessa cosa, a volte vengono fraintese.

Una parola può sintetizzare una storia, un personaggio, un sentimento, strapparci una risata o farci fermare un attimo a riflettere…

Se selezionate con cura possono creare un GIRO DI PAROLE per trascorrere una piacevole serata in compagnia.

Giri di parole è uno spettacolo del Ramaiolo in Scena nel quale si alternano gli attori, ciascuno con la propria parola chiave.

Monologhi, canzoni, poesie, filastrocche, favole e ballate per creare un girotondo di sorrisi, ricordi ed emozioni… insomma giri di parole!

Curiosità

In questa edizione dei monologhi la compagnia teatrale Ramaiolo in Scena si mette ulteriormente in gioco con una componente in più: il canto.

Dopo qualche timido tentativo nelle passate edizioni, con Giri di parole alcuni attori lasciano ogni indugio e si cimentano con successo nell’esecuzione di qualche brano utile a favorire un collegamento armonico tra un monologo e l’altro.

l

Autore

vari
m

Durata

90 minuti

Numero atti

1

Debutto

22 Giugno 2019

Repliche al 8 Ago, 2020

3
v

Regia

Alessandro Manera
w

Cast

Finocchiaro Federico, Mela Alessia, Micali Antonella, Ferrari Christian, Alberti Serena, Brizio Annalina, Coscia Cristina, Pastore Fulvia, Rainaldi Mario, Manera Federico, Merlino Alessandro, Finocchiaro Samuele, Belmonte Massimo, Daria Vitale, Mareri Francesca

Special Guest

Bo Roberto, Campione Ilenia, Tallone Alberto, Faraone Claudia

Assistenti di scena

Tecnici audio luci

Macchiavelli Marco, Saglietto Piero, Bruzzone Dario

Scenografie

Costumi

Riconoscimenti
giri di parole

Altri spettacoli che potrebbero interessarti:

Con-divisione

Con-divisione

L’Era digitale ci rende stupidi o superuomini? Ci è stata imposta o siamo proprio noi i veri creatori dell’era digitale?
Da domande come queste nasce Con-divisione..

Share This